Ovunque

Tag

 

 

 

 

 

Viaggi by passaggisegreti

Annunci

Giorni nuovi

Tag

, ,

Fuori i rumori delle cicale si sentono fortemente anche in città. La calura è tremenda ed io mi muovo con parsimonia. Le tende sono ferme, un po’ come me.
Ché io sarei anche tornata puntuale il 27 (aprile).
Poi ho passato giornate dagli occhi vivi e serate intere a far l’amore con i colori riorganizzando foto. Giorni con un nome e mani ferme, labbra socchiuse e sospiri toccata dalle luci, e non solo quelle dell’alba, mentre ripetevo ad alta voce non ho voglia di parlare adesso.
Certi viaggi ti restano dentro più di altri, soprattutto quando hai delle aspettative verso un posto e questo si rivela non all’altezza bensì oltre.
Ho trascorso le giornate pensando ai particolari e mettendo a fuoco nella mente immagini che non volevo perdere.
Perché quando la tua prima colazione la fai nello Starbucks delle Trump Tower e pensi sia impossibile, per te, essere lì ed in quel momento il sottofondo musicale è My Way di Sinatra, la canzone che più di ogni altra ha legato te ai tuoi genitori, i segni sono evidenti.
E ti fanno pensare così a lungo da non accorgerti che i mesi scivolano come sabbia tra le mani.

[Bambina ritorni verso casa, con un desiderio struggente di notti lunghe e morbide come la stanchezza]

NY passaggisegreti

Tag

,

Un alveare di cenni che sciamano tra i muri di questo pensiero. 

              Fluida ossessione dove furore e magia avvampano sanguinamente.

Immersioni, di luce filtrante e di respiri bagnati.
 

                            [Lasciare] vagare lo sguardo più in là. Ed oltre. Fino a .. 

[Sono sicura tu lo sappia]
 

Vuoti pieni

Tag

,

Ho qualche matita in tasca e fogli bagnati di pioggia stesi ad asciugare, oggi.
Nessun grigio per le nuvole. Solo il buio che si trasforma in notte.
E poi colori.
Da leccare, tra le parole e gli odori della paura racchiusi nell’indulgenza dell’incoscienza. Carnali nella prepotenza delle sensazioni.
In atmosfere poliedriche e surreali da ascoltare in silenzio.  E con gli occhi chiusi.

SiLenCe. Please.

silence passaggisegreti

Cristallizzata

Tag

,

Ho smarrito un sospiro, credo, tra le parole.
Tra quelle ciance pixellate sparite nell’aria.
Come non si sapesse che nelle dita scorre il sangue e che l’allungare il palmo è un gesto che parte dal di dentro.
Mi preservo dai sipari che cadono sovvertendo gli schemi.  Temprando il coraggio alle accidentali insonnie. Zucchero cristallizzato sulle labbra e la pelle spolverata di talco in quest’inverno lungo più di una stagione.
Ho smarrito un sospiro nei chiaroscuri di mera essenza.
Chiunque lo ritrovasse, è pregato di
non portarlo indietro.

flower woman by passaggisegreti

Con una tisana di malva

Tag

,

Conservare  questo spazio chiuso, questo intreccio tenero che conosco a memoria.
Lettere su lettere, battute, digerite, vomitate.
Non capisco che tempo c’è, non capisco i pensieri intrigati degli altri.
Ma come nuvole gonfie di pioggia si sta. Con gli inciampi sul cuore e le dita del mondo legate insieme.
Le nubi poggiate sul nulla mi danno una sensazione lieve. Come qualcosa che comincia.
Ascolto Einaudi in questo periodo. Riesce a sollevarmi strati di pelle, a togliere polvere e lenzuola bianche gettate sui mobili antichi di una casa ormai chiusa.
Arriva oltre ed in fondo. Traduce ciò che non riesco ad esprimere, e che un tempo veniva facile.
Provoca ed apre solchi che cedono velocemente come sabbie mobili.
L’istinto che gocciola tra fessure sconfessate.
Ed io che scrivo. Senza un finale che faccia male.

(On Air: Eros – Ludovico Einaudi)

sensual by passaggisegreti